Da / 17th aprile, 2017 / Bici / Nessun commento

Il percorso si snoda tra fiumi e laguna fino a Chioggia (15 Km), dove si sale sul battello Actv fino a Caroman di Pellestrina, per visitare l’oasi naturalistica fino a scendere sulla spiaggia selvaggia, oppure direttamente a Pellestrina, dove si può salire sul Murazzo e scendere nella spiaggia selvaggia che costeggia tutta l’isola). Da qui si prosegue fino alla fine dell’isola, a Santa Maria del Mare (8 Km); si sale sul Ferry Boat per l’attraversamento della bocca di Porto. Si riprende il percorso in bicicletta fino al Lido di Venezia (10 Km): si possono visitare la spiaggia di Alberoni, il pittoresco centro di Malamocco ed il Lido di Venezia. Di qui si può raggiungere in battello Piazza San Marco per una rapida visita all’area marciana.

Un itinerario vario e divertente, che coniuga relax, natura incantevole e paesaggi unici al mondo. Un percorso flessibile, che consente di essere personalizzato e adeguato alle proprie forze, ma che assicura una giornata indimenticabile
Punti d’interesse culturale e naturalistico da visitare (elenco):
-Oasi naturalistica di Caroman
– Pellestrina (Museo del merletto e del tombolo)
– Murazzi
– Malamocco
– Lido di Venezia

Lunghezza: 66 km
Punto di partenza e arrivo: Agriturismo Zennare
Difficoltà: percorso completamente pianeggiante; richiede 2 passaggi in traghetto in andata e altrettanti al ritorno (qualora si voglia andare a Venezia, occorre lasciare le biciclette al Lido)
Tempo previsto: minimo 5 ore senza tappe (consigliate comunque tappe a Caroman, oppure Pellestrina, Malamocco, Lido di Venezia). Si può abbinare anche veloce una visita all’area veneziana di piazza San Marco
Periodo consigliato: tutto l’anno. Nel periodo estivo diventa più impegnativo per la mancanza di alberature, ma si possono abbinare dei piacevoli bagni in mare lungo il percorso tra Caroman, Pellestrina e Lido di Venezia
Tipologia: interamente su strade asfaltate
Punti di forza: percorso pianeggiante e adattabile a capacità ed esigenze, paesaggio straordinario, possibilità di abbinare bagni in mare e degustare la tipica cucina ittica dell’isola di Pellestrina; strade in gran parte a traffico limitato
Punti di debolezza: mancanza di alberature e di fontane pubbliche


Lascia un tuo commento

*